Spiare WhatsApp

Telefono spia: come spiare un cellulare. Vediamo nel dettaglio

Ogni giorno governi e agenzie pubblicitarie si ingegnano a pensare come spiare un cellulare con le loro applicazioni.

Telefono spia, uguale a delle microspie digitali super tecnologiche, sempre nella nostra giacca o nella nostra borsa, pronte a spiare i nostri movimenti.

Informazioni digitali che restano memorizzate grazie al nostro smartphone. Dati che aziende, compagnie internet e governi tentano di usare.

“Lo smartphone è un localizzatore GPS.

Ci trova con la triangolazione delle celle, la posizione Gps dei satelliti, e i dati Wi-Fi.

Dati sensibili a disposizione del proprio gestore telefonico, che possono essere utilizzati anche dal nostro sistema operativo e dai programmi che scarichiamo, se concediamo loro il consenso.

Ma quali sono i programmi che utilizza il telefono spia? Quasi tutti.

Non solo le mappe e i navigatori satellitari.

L’iPhone, ad esempio, memorizza i posti dove ci rechiamo ogni giorno e raccoglie quelli che visitiamo frequentemente.

“Tali elementi vengono immagazzinati esclusivamente sul tuo smartphone e non vengono trasmessi ad Apple senza la tua autorizzazione – scrive nella policy Apple – ma verranno utilizzati per procurarti dei servizi su misura”.

In breve, un po’ a scopo pubblicitario.

Per avere cognizione di dove ci troviamo, le imprese si basano sui programmi che scarichiamo e usiamo.

Se si possiede Google mail, ad esempio, e altri programmi di google, basta digitare Google.it/locationhistory per leggere lo storico delle nostre posizioni satellitari individuate.

“Molte persone non sanno di avere la location history avviata, anche da tempo.

Che a volte è utilizzata addirittura da partner diffidenti per spiare i movimenti del compagno».

“A volte si mettono in azione senza che l’utilizzatore se ne accorga – in istanti in cui non vorrebbe essere spiato”.

“Chi procura servizi di posta elettronica al pubblico per legge deve registrare traccia di mittente e suo IP, destinatario, timestamp (data e ora) ma molte volte registrano anche la dimensione del messaggio e subject”.

Nel telefono spia tutti i dati, comprese le email, restano nell’archivio di Google a nostra disposizione e su richiesta, anche del governo.

Ma anche utilizzando altri programmi con il telefono spia, da whatsapp ai browser per navigare su internet restano memorizzati i cosiddetti “metadati” che forniscono qualcosa in più di noi.

Rimangono a disposizione di ditte specializzate che realizzano dei profili ad hoc.

I quali, naturalmente, vengono venduti.

Queste informazioni, unitamente a quelle che forniamo nella vita quotidiana (ad esempio con le carte a punti) vengono intersecati con un programma chiamato onboarding.

Anche i social network acquistano profili “offline” per incrementare quelli presi “online” per rendere più indirizzata la pubblicità.

Please follow and like us:
0